RADUNO PRE-CAMPIONATO STAG. SPORTIVA 2018/19

RADUNO PRE-CAMPIONATO STAG. SPORTIVA 2018/19

Con il raduno precampionato di Tarvisio (UD), ha preso ufficialmente il via la Stagione Sportiva per gli associati del Comitato Regionale Arbitri del Friuli Venezia Giulia. La cittadina è ormai meta abituale per il primo appuntamento Stagionale ma, novità di quest’anno, è la salita sul Monte Lussari a 1790 m, dove il Presidente Andrea Merlino ha aperto il raduno alla presenza degli arbitri di Promozione ed Eccellenza. Scesi a valle nel pomeriggio, è seguito il lavoro sul terreno di giuoco con il punto della situazione su tattica, posizionamento e spostamento e, al termine, una breve seduta atletica.
Il giorno seguente segna l’arrivo degli arbitri di Prima Categoria e degli assistenti arbitrali ed è con il gruppo al completo che, dopo i rispettivi lavori sia in aula che sul campo guidati dai componenti di riferimento Cristian De Franco, Carlo Taverna, Manuel Giacomazzi e Lorenzo Visentini, si apre ufficialmente il quarantottesimo raduno regionale.
Dopo il saluto di rito del Presidente Merlino, è il Componete del Comitato Nazionale Stefano Archinà a prendere la parola. “Sappiate apprezzare quello che i vostri dirigenti hanno fatto per voi, non date per scontato nulla”, il suo messaggio, e “siate come le spugne, assorbite tutto”. A seguire, l’illustrazione della Circolare 1 e i quiz tecnici, a cura dei componenti del Settore Tecnico Barillà, Gasperini e Armisano.
Terminata questa fase, è ora il momento della presentazione di una serie di video su diversi episodi tecnici. “I vostri errori sono la nostra fonte dalla quale attingere, vi ringraziamo di darci questa possibilità di miglioramento che riguarda tutti”, precisa il Presidente Merlino.
La chiusura della giornata spetta al Vice Presidente Luca Cavanna che, dopo aver illustrato cosa si richiede ad un arbitro da un punto di vista tattico ed atletico, si è soffermato su ciò che sta alla base dell’essere arbitro. “Quello che cerchiamo da voi è l’abilità di trovarsi nel posto giusto al momento giusto, la capacità di essere dove servite. Per fare questo sono necessari rapidità, scatto ed intuizione. Tutto ciò deve essere supportato dalla preparazione atletica”. Ma, precisa, “l’arbitro non è solo tecnica ma anche comportamento. Non ci sono certezze in tasca, a tutti voi può capitare di trovarsi di fronte ad un momento negativo. Ed è lì che non bisogna demotivarsi. Andate ad arbitrare perché vi piace, è l’unica ragione che vi permette di vivere serenamente il vostro percorso”.
Le ultime precisazioni prima dei saluti sono di Merlino: “Questi sono momenti che servono a crescere. Arbitrare non è solo terreno di giuoco ma palestra di vita. La Stagione che andrà ad iniziare sarà lunga, vogliamo fornirvi la stessa passione che abbiamo noi e lo facciamo perché ci piace. Il minimo che voi possiate fare è dare quel qualcosa in più”
Durante l’ultima giornata di raduno, a raggiungere i presenti sono gli osservatori, protagonisti, nel pomeriggio, di un lavoro specifico guidato dal Componente responsabile Luca Cavanna coadiuvato da Lorenzo Visentini.
È dopo gli interventi del Presidente della LND regionale Ermes Canciani e del Componente del Comitato Nazionale AIA Stefano Archinà, entrambi a sottolineare un riconoscimento nei confronti sia del Comitato che degli arbitri, che il raduno volge al termine.
Una tre giorni di crescita che ha visto coinvolti tutti gli associati del CRA Friuli Venezia Giulia, all’insegna di cardini quali serietà, gruppo e professionalità.

Comments are closed